Come il comportamento degli utenti sta plasmando la SEO per il settore sanitario

La SEO per il settore sanitario sta cambiando. Qual è il futuro dell’ottimizzazione per i motori di ricerca? In che modo le aziende sanitarie possono adattare le loro strategie SEO tenendo conto dell’arrivo della ricerca conversazionale?

 

Ecco un’overview sull’evoluzione della SEO nel settore sanitario.

Sia l’algoritmo di Google che il modo in cui le persone fanno ricerche si sta evolvendo, a volte in sintonia. In passato, Google ci ha insegnato a cercare utilizzando formule specifiche, soprattutto nel settore sanitario.

Ad esempio potresti avere un risultato migliore nella ricerca di “sollievo dal mal di schiena” rispetto a “come faccio a smettere di farmi male alla schiena?” L’onere spesso spettava alla persona che cercava di sbloccare i risultati di ricerca giusti con la parola chiave giusta.
“L’arte di cercare su Google”, come a volte abbiamo sentito dire.

Ora, Google ha aggiornato i suoi algoritmi per diventare sempre più user-friendly. Invece di formule di parole chiave scomode, le persone possono cercare utilizzando frasi più colloquiali. Ciò ha portato all’uso di una vasta gamma di combinazioni di parole uniche, o termini di ricerca molto lunghi, con una frequenza molto maggiore. Le persone usano il loro linguaggio quotidiano per trovare ciò di cui hanno bisogno (almeno in parte) a causa del maggiore utilizzo delle opzioni di ricerca tramite assistente vocale.

Va da sè che Google ha quindi dovuto adattare i suoi algoritmi per migliorarsi nell’identificare ciò che vogliono gli utenti. Una quantità sempre maggiore delle nostre vite si svolge online. Secondo alcune stime, il 15% delle nuove ricerche annuali non è mai stato effettuato prima. Il 15% di circa un trilione di ricerche annuali, un numero che è rimasto stabile dal 2013.

Dati questi cambiamenti nel modo in cui le persone fanno ricerche online, ecco alcuni dei modi più immediati in cui si sta evolvendo la SEO del settore sanitario.

L’influenza della pandemia

Anche se non sorprende, la pandemia di COVID-19 ha rimodellato i comportamenti di ricerca. Innanzitutto, le persone sono alla ricerca di nuove metodologie riguardanti l’assistenza sanitaria, comprese le opzioni sanitarie, i trattamenti e le linee guida COVID aggiornate.

La ricerca su determinate condizioni in relazione al COVID-19 è aumentata nel 2020, così come le ricerche sugli esercizi di fisioterapia a casa. Abbiamo riscontrato un enorme picco nei termini di ricerca relativi a “telemedicina”, poiché questa era l’unica opzione per molti al culmine dell’epidemia. Sebbene l’ondata di interesse per la telemedicina si sia placata, è ancora superiore a quanto non fosse pre-pandemia, almeno secondo Google Trends.

Probabilmente questi comportamenti di ricerca indotti dalla pandemia erano davvero contestuali alla situazione che si stava vivendo. Le persone non erano in grado di visitare i loro medici, quindi si sono dati alla ricerca online. Questo spiegherebbe sicuramente l’aumento di nuove query mai cercate prima.

Indipendentemente da ciò, quando sviluppi la tua strategia SEO e dei contenuti, scava nelle domande e nelle informazioni di cui i pazienti hanno bisogno per assicurarti che la tua struttura venga trovata. Molte cose sono cambiate nell’ultimo anno e quello che devi fare è assicurarti di sapere come i pazienti stanno cercando i servizi che offri. Per ottenere queste informazioni sui pazienti, puoi utilizzare alcuni metodi diversi:

– ricerca di parole chiave utilizzando strumenti come SEMrush, Google Trends, Google Keyword Planner e Also Asked;

– moduli e sondaggi per il feedback dei pazienti;

– colloqui individuali con i pazienti.


Non rimanere bloccato nella tue abitudini: essere consapevoli delle mutevoli esigenze dei pazienti ti aiuterà a indicizzarti (e posizionarti più in alto) per le nuove domande che hanno e ti darà un vantaggio rispetto alla concorrenza.

Ricerca conversazionale

Nella ricerca conversazionale, una persona può pronunciare la propria domanda o domanda e ricevere i risultati della ricerca sotto forma di dialogo. Pensa all’ultima conversazione che hai avuto con Siri o con “Hey Google”, per esempio. Basandosi su questo concetto, Google ha introdotto due principali tecnologie di conversazione durante la Google I/O Developer Conference a maggio 2021: LaMDA (Language Model for Dialogue Applications); e MUM (modello unificato multitasking). Queste tecnologie ci danno un assaggio di come la ricerca diventerà più conversazionale e meno basata su query dirette.

LaMDA (modello linguistico per applicazioni di dialogo)

LaMDA è un modello linguistico che addestra i computer a comprendere meglio il linguaggio raccogliendo sfumature che distinguono la conversazione aperta da altre forme di linguaggio. È ciò che consente a molti chatbot di evolversi, adattarsi e condurre conversazioni aperte con gli esseri umani.

MUM (modello unificato multitasking)

Questo modello aiuta l’intelligenza artificiale (AI) a comprendere meglio la domanda posta mettendo insieme query di ricerca complesse. Con MUM, l’intelligenza artificiale di Google può capire rapidamente ciò che le persone stanno veramente cercando. È molto simile a BERT, ma molto più potente (ed è addestrato in 75 lingue diverse).

Perché la ricerca conversazionale è importante per gli operatori sanitari

“Ricorda, pensa al tuo pubblico. Scrivi sempre per il tuo pubblico.”

È vero, ed è un buon consiglio. Alla fine, tutta questa tecnologia è focalizzata sul miglioramento dei risultati di ricerca per le query a coda lunga che Google non ha mai visto prima, per consentire alle persone di interagire in modo più naturale con la tecnologia. Nel mondo dell’assistenza sanitaria, questa è un’altra opportunità per ridurre le barriere all’accesso e aiutare le persone a trovare e ricevere assistenza quando e come la cercano.

Come dovrebbe evolvere la tua strategia SEO

Per quanto Google possa sembrare grande e infinito, lo spostamento algoritmico verso la ricerca conversazionale è un passo positivo per l’assistenza sanitaria. È un’opportunità per chi vuole fare marketing nel settore sanitario, in particolare, per aiutare Google a capire che hai le risposte alle domande delle persone e che i tuoi contenuti sono ciò di cui i consumatori di servizi sanitari hanno bisogno o desiderano.

Per fare ciò, ti consigliamo di evolvere la tua strategia SEO in 4 step:

  1. Sviluppa una strategia per le parole chiave incentrata sulle “entità”: comprendi gli argomenti correlati e fornisci il contesto nei tuoi contenuti per stabilire la relazione tra le entità a cui ti rivolgi.

  2. Crea contenuti solidi che rispondano alle domande del tuo mercato di riferimento: traccia il percorso del paziente, identificando le esigenze di informazione del paziente e assicurati di avere contenuti per l’intera canalizzazione.

  3. Implementa collegamenti interni contestuali sul tuo sito web: questo aiuterà Google a comprendere le relazioni tra i contenuti del tuo sito web.

  4. Scrivi per le persone, non per i motori di ricerca: anche se parliamo molto di ciò che Google vuole, l’obiettivo è scrivere per le persone. Pensa ai pazienti, che conosci così bene. Cosa li tiene svegli la notte? Cosa li aiuterà a condurre una vita più sana o a ricevere le cure di cui hanno bisogno? Usa un linguaggio naturale che sia facile da capire e che rifletta queste esigenze.
    Ciò che è meglio per i tuoi pazienti è probabilmente il migliore per la SEO

Se tutto questo sembra molto, lo è! Google aggiorna costantemente i suoi algoritmi di ricerca, lasciando spesso (in particolare) i professionisti del marketing sanitario a lottare per rimanere al passo. Alla fine però, quello che Google desidera, è dare alle persone le informazioni che stanno cercando, come fai tu.

Il nostro consiglio per le aziende che cercano di aumentare il proprio ranking è di seguire sempre ciò che Google dice: concentrarsi sulla creazione di buoni contenuti che rispondano alle domande dei clienti. Non cercare di ottimizzare le tue pagine per parole chiave brevi e azioni rapide, o andare super lungo solo per il gusto di andare lungo. Invece, ottimizza per quello che sei sicuro che tuoi utenti stanno cercando (e di cui hanno bisogno).

Se riesci a fare questo, sarai ben posizionato e riuscirai ad adattarti alla continua evoluzione della SEO del settore sanitario. E saranno anche i tuoi pazienti a trarne beneficio!

Questo contenuto ti ha interessato? Dai un’occhiata agli altri articoli del nostro BLOG, oppure contattaci per fissare una consulenza gratuita.

Pillole di Healthcare Marketing

[blog]

Contattaci